Area didattica

“Creatività non vuole dire improvvisazione senza metodo: in questo modo si fa solo della confusione e si illudono i giovani a sentirsi artisti liberi e indipendenti. La serie di operazioni del metodo progettuale è fatta di valori oggettivi che diventano strumenti operativi nelle mani dei progettisti creativi”.
(Bruno Munari, Da cosa nasce cosa. Appunti per una metodologia progettuale,  Roma-Bari, Laterza 1981)

La progettazione didattica rivolta a scuole e libera utenza è sviluppata dai Servizi Museali in collaborazione con il personale dell’Archivio-Museo CSAC
Tema fondante del lavoro è la comprensione della modalità attraverso cui la ricerca scientifica umanistica condotta in un museo universitario a partire da fonti originali, produce storia e conoscenza. In particolare, il programma è diviso in tre macro temi: L’archivio da svelare; Esporre, mostrare, allestire e Animare l’archivio e articolato in attività, visite guidate e laboratori didattici, sul tema della conservazione dei documenti e delle opere e sul loro utilizzo, dall’archiviazione, all’esposizione e valorizzazione. Il progetto è caratterizzato da attività manuali e digitali e da un approccio ludico – didattico.
Ad un anno dall’apertura del museo, i Servizi propongono inoltre, a partire dall’anno scolastico 2016-2017, un’esperienza di progettazione condivisa di attività con i docenti delle scuole primaria, secondaria di primo e secondo grado sui temi indicati. Le attività progettate in modalità partecipata con le scuole che hanno aderito al progetto, saranno inserite nella programmazione a partire da febbraio 2017.

Servizi Museali e CSAC Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma

Orari Archivio-Museo CSAC
dal martedì al venerdì: dalle 10.00 alle 15.00
sabato e domenica: dalle 10.00 alle 20.00
In caso di richiesta specifica è possibile anticipare l’attività alle ore 9.00.

Per informazioni e prenotazioni 
tel. 0521 607791
servizimuseali@csacparma.it

Progetto didattico: Elisabetta Modena
Referente per le attività didattiche: Elisa Bini