Arte

Il primo nucleo di opere che costituirà la futura Sezione Arte dello CSAC comincia ad essere raccolto a partire dal 1968, quando all’interno dell’Istituto di Storia dell’Arte dell’Università di Parma si progettano una serie di mostre dedicate all’arte contemporanea. Il progetto, proposto da Arturo Carlo Quintavalle sul modello delle raccolte statunitensi, è quello non solo di indagare il contemporaneo attraverso le più recenti metodologie critiche, ma soprattutto di creare una raccolta pubblica di arte strettamente connessa alla didattica e alla ricerca, quindi al mondo universitario. In seguito a quelle prime esposizioni gli artisti donano alla raccolta dell’Università un’opera significativa del proprio percorso culturale, così entrano a far parte del patrimonio importanti e numerose opere. Le strategie di acquisizione cambiano all’inizio degli anni Ottanta, quando le mostre organizzate da quello che è ormai diventato il Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università, propongono la presentazione di nuclei consistenti di opere donate allo CSAC. Nel 1977 la sezione Arte conta già oltre 200 opere di 107 artisti, per la maggior parte donate dagli autori stessi e in parte arrivate tramite il proficuo rapporto instauratosi con alcuni dei maggiori galleristi italiani. Allo CSAC è rappresentato il panorama della cultura artistica italiana del secondo dopoguerra: il realismo con Renato Guttuso, l’astrazione con Carla Accardi, Emilio Scanavino, Mario Radice, Nicola Carrino, l’informale di Giuseppe Santomaso e Arnaldo Pomodoro, l’arte povera con Mario Ceroli, il concettuale di Alighiero Boetti, per citarne solo alcuni. Il procedere ininterrotto delle acquisizioni ha portato la Sezione Arte ad avere oltre 1.700 dipinti, 300 sculture, 17.000 disegni e una consistente bibliografia e documentazione legata a molti fondi, strumenti fondamentali per lo studio, la didattica e la ricerca.